Oggi è gio giu 27, 2019 1:50 am

Armonizzazione scala maggiore di Fa

inserisci qui le tue domande su incertezze e curiosità didattiche

Moderatori: Gabriele_Gab, Moderatori

 
Messaggi: 9
Iscritto il: dom ago 23, 2015 1:15 pm

Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da lolx » dom ago 23, 2015 1:24 pm

Salve ragazzi sono nuovo di questo forum,mi chiamo lorenzo piacere e ho appena intrapreso lo studio della teoria musicale ed ho incontrato un incertezza che non riesco a risolvere,nell'armonizzazzione della scala maggiore il 2 grado deve essere sempre minore e il 7 diminuito,perche' allora se io armonizzo la scala di fa maggiore e faccio una sovrapposizione di terze il 2 grado e' sol e le note sovrapposte fomeranno una triade maggiore sol si re e quindi non sara mai minore e il 7 grado mi fomera le note mi sol si e quindi formera un accordo minore e non diminuito.Mi sbaglio io o c'e' qualcosa che non va,Spero di essermi spiegato bene :shock: grazie a tutti

 
Messaggi: 40
Iscritto il: gio gen 01, 2015 1:36 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da Gage » dom ago 23, 2015 3:24 pm

Ciao , stai attento perché la scala maggiore di Fa ha un bemolle in chiave (Sib) quindi sarà:
Fa Sol La Sib Do Re Mi

Quindi l'armonizzazione per triadi sarà:
1 Fa (Fa la do)
2 Sol min (sol sib re)
3 La min (la do mi)
4 Sib (sib re fa)
5 Do (do mi sol)
6 Re min (re fa la)
7 mi dim (mi sol sib)

Spero sia tutto chiaro! Ciao!

 
Messaggi: 9
Iscritto il: dom ago 23, 2015 1:15 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da lolx » dom ago 23, 2015 5:11 pm

No non era questa il concetto e' l'armonizzazzione e' una sovrapposizione di terze intese come quantita di intervallo quindi in c sara:
C C
D (D F A) Dm
E (E G B) Em
F (F A C) F
G (G B D) G
A (A C E) Am
B (B D F) Bdim

ora se sovrappongo gli intervalli di terze in quantita al F avro:

F F
G (G B D) qui se sovrappongo le terze viene una triade maggiore e non minore
A (A C E) Am
Bb (Bb D F) B
C (C E G) C
D (D F A) Dm
E (E G B) Em anche qui dovrebbe venire diminuito ma e minore

in questo senso dicevo,o magari sbaglio io dato che una volta armonizzata la scala C e se in altre tonalita non vengono a formarsi i
gradi giusti si devono correggere in modo che combacino con quella di C MAGGIORE,grazie e scusate

 
Messaggi: 40
Iscritto il: gio gen 01, 2015 1:36 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da Gage » dom ago 23, 2015 8:47 pm

Quando devi armonizzare la scala maggiore (o qualsiasi altra scala) parti dalla scala maggiore richiesta (con lo schema tono-tono-semitono-tono-tono-tono-semitono) è dalla scala maggiore appena ricavata armonizzi per terze ma utilizzando le note della scala.

 
Messaggi: 9
Iscritto il: dom ago 23, 2015 1:15 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da lolx » mar ago 25, 2015 11:07 pm

No non mi sono spiegato colpa mia.Allora partenda dalla formula dell'armonizzazione della scala maggiore

Primo grado maggiore
Secondo minore
Terzo minore
Quarto maggiore
Quinto maggiore
Sesto minore
Settimo diminuito

Allora ora costruisco la scala di F : F G A Bb C D E F

Sovrappongo le terzi in ogni grado al 2 grado verra G B D ma cosi si forma una triade maggiore e non minore come la regola dice sul secondo grado,cosa devo fare aggiustare Il B e mettere un bemolle per far tornare i conti e formare sul secondo grado un accordo minore?
Grazie mille

Avatar utente
 
Messaggi: 1605
Iscritto il: lun giu 13, 2005 9:42 pm
Località: Parma

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da Luca Colombo » mer ago 26, 2015 12:10 am

Il modello di scala maggiore prevede tono tono semitono tono tono tono semitono.
Le alterazioni servono a rispettare il modello.

Fa maggiore contiene il BB in chiave, non è che ti spieghi male, è che devi accettare questo principio a cui non puoi sottrarti se vuoi rispettare le convenzioni su cui è costruita la musica tonale.

Ciao.

 
Messaggi: 40
Iscritto il: gio gen 01, 2015 1:36 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da Gage » mer ago 26, 2015 8:39 am

Luca Colombo ha scritto:Il modello di scala maggiore prevede tono tono semitono tono tono tono semitono.
Le alterazioni servono a rispettare il modello.

Fa maggiore contiene il BB in chiave, non è che ti spieghi male, è che devi accettare questo principio a cui non puoi sottrarti se vuoi rispettare le convenzioni su cui è costruita la musica tonale.

Ciao.

Grazie Luca :)

 
Messaggi: 9
Iscritto il: dom ago 23, 2015 1:15 pm

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da lolx » mer ago 26, 2015 5:07 pm

Grazi luca che onore una risposta direttamente da te :)Il mio errore e' che sovrapponevo solo intervalli di terza e non contavo le terze dalle note della scala,cmq basta ricordarsi la regola dove e quando sono minori e maggiore e diminuita senza stare ogni volta a calcolare gli intervalli giusto?Ti ringrazio ciao

Avatar utente
 
Messaggi: 35
Iscritto il: mar feb 03, 2015 7:57 pm
Località: Cesena, Italia

Re: Armonizzazione scala maggiore di Fa

Messaggio da Michele_BS » gio ago 27, 2015 1:30 pm

A volte conviene fin da subito tenere conto dalle alterazioni della scala che stai trattando: per esempio il Sib, nel caso della scala maggiore di Fa. Nel costruire tutte le varie triadi poi, saprai che ogni volta che incontri un Si, questo dovrà essere bemolle: la specie delle triadi così ottenute (maggiori, minori, diminuite) verrà di conseguenza.

In altri casi invece è più naturale partire proprio dalla regola che stabilisce la specie delle triadi costruite sui vari gradi di una scala, ricordando per esempio che in una scala maggiore al primo grado corrisponde una triade maggiore, al secondo una triade minore e così via, come peraltro mostri di aver già capito.

Altre volte ancora infine, può convenire rifarsi alla definizione di "specie" di una triade, sapendo che si ottiene una triade "maggiore" sovrapponendo una terza minore ad una terza maggiore (3M + 3m), e così via per le altre tre specie: "minore" (3 m + 3 M), "aumentata" (3M + 3M) e "diminuita" (3m + 3m).

In ogni caso, qualunque sia il ragionamento seguito, i conti devono tornare. In effetti, non c'è una regola data a priori, se non quella di cui parla Luca: la successione dei toni (T) e dei semitoni (S), che in ambiente tonale (su cui si fonda gran parte della nostra cultura e sensibilità musicale) è T-T-S-T-T-T-S per le scale (diatoniche) maggiori. Da lì, tutto deriva.

Come prima cosa, impara bene le alterazioni presenti in ciascuna delle diverse tonalità maggiori. Un po' ostico all'inizio, ma poi diventerà il tuo passepartout.

:wink:

p.s. I musicisti seri mi correggano se ho scritto qualche sciocchezza!


Torna a Didattica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite